Prestiti senza busta paga e garante Compass

I microcrediti e i prestiti Compass rappresentano alcune delle offerte più richieste da coloro che non possiedono busta paga, ma che sono comunque alla ricerca di piccole somme di liquidità. Per accedere a queste tipologie di finanziamento è in genere necessario fornire ulteriori forme di garanzia alternativa alla busta paga o, in caso contrario, dimostrare di avere delle forme reddituali solide su cui fare affidamento: vediamo di quali si tratta.

Come ottenere un finanziamento

Come abbiamo visto i prestiti Compass sono richiesti anche da coloro che non possiedono busta paga e che, talvolta, potrebbero addirittura essere sprovvisti di un garante: anche se la garanzia di un coobbligato è generalmente la più richiesta dalle banche, è possibile tentare di accedere a un micro credito Compass anche senza di esso. Ovviamente sarà però necessario fornire le dovute garanzie alternative alla busta paga: cedolino della pensione, tfr, un assegno di mantenimento o l’affitto percepito da un immobile di proprietà, rappresentano tutte valide forme di garanzia alternativa.

In genere i prestiti Compass per coloro che non possiedono busta paga permettono di accedere a fonti di liquidità inferiori rispetto a coloro che abbiano più solide forme di garanzie reddituali: i prestiti si aggirano tra i 1000 e i 5000 euro, i piani di ammortamento sono variabili a seconda delle possibilità economiche del richiedente e del tipo di prestito richiesto.

Per cifre superiori a queste l’unico modo per cercare di ottenere un prestito sufficiente è quello di ipotecare un immobile di proprietà o oggetti di valore: i tempi di erogazione potrebbero essere più lunghi e inoltre non è detto che senza garante la banca sia disposta ad erogare la cifra richiesta. Compass offre anche la possibilità di accedere a prestiti cambializzati: in assoluto essi rappresentano la forma meno conveniente di prestito e per interessi e per i rischi, ma possono essere accettati con maggior facilità anche da ex cattivi pagatori o protestati (che abbiano ovviamente le dovute forme di garanzia).

Sicuramente i prestiti Compass rappresentano una buona alternativa per coloro che non abbiano la busta paga, e per accedervi è possibile effettuare direttamente la registrazione online sul portale della banca fornendo tutti i documenti richiesti (documenti di riconoscimento e sulla situazione finanziaria del richiedente e degli eventuali coobbligati). Online è possibile anche consultare gli appositi simulatori della banca, verificando direttamente da casa quale potrebbe essere il piano d’ammortamento a cui andremmo incontro per la cifra a noi necessaria.

Ti è piaciuto il post?