Prestiti senza busta paga PostePay: è possibile? Tutte le informazioni

Poste Italiane ha cercato di far fronte alla crisi economica in cui l’Italia è sprofondata negli ultimi anni, studiando soluzioni all’avanguardia e abbastanza facili da ottenere. Vediamo come fare richiesta per un prestito senza busta paga alle Poste e di quali tipi di documenti avremo bisogno.

Prestito: come richiederlo

Oggi tutti i titolari di PostePay con cittadinanza italiana e un’età compresa tra i 18 e i 70 anni possono avanzare la propria richiesta di prestito alle Poste Italiane.  Nel caso in cui la richiesta venga effettuata da lavoratori con contratti atipici, casalinghe, pensionati o disoccupati, bisognerà allegare alla documentazione una alternativa forma di garanzia alla busta paga: la firma di un garante o la dimostrazione di una qualsiasi altra forma di reddito solida e regolare, dovrebbero bastare.

In genere anche coloro che siano stati assunti con contratto a tempo determinato possono avanzare la richiesta di prestito, la quale ovviamente non potrà durare per un tempo maggiore rispetto a quello previsto dal loro contratto di lavoro.

Ovviamente, come per tutti gli altri istituti di credito, Poste Italiane si riserva il diritto di accettare la richiesta di prestito qualora le garanzie del richiedente non risultino affidabili e solide o esso risulti iscritto all’elenco dei cattivi pagatori.

Special Cash: come funziona

Uno dei pacchetti studiati da Poste Italiane si chiama Special Cash e prevede l’erogazione di un minimo di 750 euro fino a un massimo di 1.500 euro. Si tratta quindi di una piccola somma di liquidità e che viene erogata nell’arco di appena 24/48 H dall’accettazione della richiesta. Il contratto di restituzione va dai 15 ai 24 mesi e si tratta di un prestito non finalizzato (non è richiesta quindi una motivazione per accedere al finanziamento).

I vantaggi di questo genere di finanziamento sono molteplici: la commissione fissa è mensile ed è possibile rateizzare i pagamenti direttamente grazie al proprio conto postale o attraverso bollettino. Gli interessi (TAN e TAEG) dipendono dal tipo di scaglionamento e dalla cifra richiesta per il finanziamento. Il prestito Super Cash è realizzato in collaborazione con Compass che è tenuta a valutare caso per caso se e come accettare la richiesta di prestito.

Documenti necessari per la richiesta

Per richiedere il prestito è necessario recarsi a uno sportello di Poste Italiane con la seguente documentazione:

  • la carta PostePay sulla quale verrà accreditato il finanziamento;
  • carta d’Identità;
  • codice fiscale;
  • certificato di reddito
  • passaporto o permesso di soggiorno in corso di validità (se il richiedente non è cittadino italiano).
Ti è piaciuto il post?